Follow Us

venerdì 29 marzo 2013

I Cookies: biscotti della tradizione americana

Ultimamente mi affascina molto la cultura americana, sarà che ho una gran voglia di visitare la Grande Mela, San Francisco, Chicago o comunque quelle città, quei paesaggi, quegli scorci che fino adesso sono rimasti solo dietro ad un piccolo o grande schermo! Un aspetto che mi affascina sono soprattutto i dolci (come ho già parlato >qui< ) e infatti oggi voglio proporvi dei biscotti facili da fare e molto famosi in America: i Cookies!
Ma che storia hanno questi buonissimi biscotti? Nacquero quasi per caso negli anni '30, dalle mani di Ruth Wakefield, che era solita cucinare biscotti al burro e cioccolato, un giorno però, accorgendosi di aver finito il cioccolato, lo sostituì con delle gocce di cioccolato che rimasero croccanti! Li servì lo stesso e fu un grande successo!
Ma adesso, bando alle ciance, gli ingredienti sono:

  • 230 gr burro
  • 2 gr estratto vaniglia
  • 3 uova
  • 360 gr farina
  • 100 gr zucchero
  • 350 gr gocce di cioccolato
  • 200 gr zucchero a velo
  • 5 gr bicarbonato
  • 10 gr sale grosso 

domenica 24 marzo 2013

Scopriamo Roma #2: Castel Sant'Angelo

Partendo da Piazza San Pietro e percorrendo Via della Conciliazione, si arriva ad uno dei monumenti della città eterna più controversi, in cui passato e presente si fondono in una cosa sola! Sto parlando di Castel San'Angelo, quel castello che percorrendo il Lungotevere si intravede in lontananza in tutta la sua grandezza! Ambientazione anche del famoso libro di Dan Brown: Angeli e Demoni, è uno di quei monumenti che viene un po' messo da parte dal turista che viene a visitare la Città Eterna!

martedì 19 marzo 2013

Scopriamo Roma #1: Piazza San Pietro: l'emblema di Roma..

Abitare a Roma può essere un grande privilegio, per il semplice fatto che a Roma non ti potrai mai stancare di andare in giro a visitare luoghi, musei, giardini perché c'è sempre qualcosa da fare. Non sempre, però, si capisce la grande fortuna che si ha nel vivere in una delle città più belle del mondo, una città che racchiude la storia di migliaia d'anni! E' questo quello che più mi rimprovero: abitare a Roma e non conoscerla come le mie tasche! Probabilmente, nella mente del viaggiatore, con il termine viaggio si indica quel tipo di viaggio per cui devi fare la valigia, organizzare tutto nei minimi dettagli e raggiungere con qualunque mezzo di trasporto la destinazione prescelta..ma non sempre è così! Fare un viaggio è molto di più: può voler dire uscire di casa una bella mattina e cominciare a scoprire gli angoli più misteriosi della propria città, oppure andare a visitare un museo e passeggiare per le vie della tua città..come se avessi gli occhi di un turista! Roma è una città meravigliosa, ma probabilmente chi ci vive la vede con occhi diversi..per esempio io la vedo una città caotica, con una metro che non vale il prezzo del biglietto e con un traffico che alcune volte raggiunge livelli inimmaginabili! Ma, essendo una delle città più belle del mondo, mettersi la maschera del turista è quasi d'obbligo, vedendo con altri occhi le meraviglie che ci stanno intorno! Proprio per questo ho deciso di farvi vedere con una serie di post ciò che questa città può offrire, mettendomi per una volta la maschera del turista che tanto amo quando viaggio :)

venerdì 15 marzo 2013

La fontana Stravinsky

Appena dietro al Centre Pompidou (di cui ho già parlato qui), nascosta all'occhio del visitatore più curioso vi è forse una delle fontane più interessanti e stravaganti che io abbia mai visto: la fontana Stravinsky (1983), che prende il nome dall'omonima place su cui essa nasce! Si rimane estasiati di fronte ai tanti bambini che corrono, giocano e che rimangono colpiti da tutti quei colori così accesi, per non parlare dei tanti turisti che si fermano per ammirare o per fotografare (da angolature diverse) un'opera tanto bella quanto eccentrica! Infatti la fontana è composta da ben 16 sculture che ricordano la vita del musicista (Stravinsky) e che si muovono a colpi di getti d'acqua. 

lunedì 11 marzo 2013

L'Umbria e i suoi colori..

Di solito a Capodanno non si sa mai cosa fare e molto spesso ci si riduce agli ultimi 2 giorni (nei miei casi anche all'ultimo giorno) con tanta, troppa confusione su dove andare e soprattutto cosa fare. Quest'anno, visto i precedenti e non volendo ripetere alcuni errori (come si suol dire: sbagliando, s'impara!), con un gruppo di amici abbiamo deciso di muoverci in tempo e, miracolosamente, già a Novembre avevamo prenotato un casale in Umbria tutto per noi! La ricerca non è stata facile, anzi! Dopo essere stato circa una settimana su Internet sperando di trovare qualcosa, ecco che finalmente trovo il casale giusto: "I casali di Colle San Paolo", immersi in una tranquillità che chi abita in città probabilmente non sa più cosa sia! Non avendo mai visitato l'Umbria sono rimasto molto colpito dai paesaggi e soprattutto dai colori che ti lasciano a bocca aperta! Ma andiamo con ordine, dopo quasi un mese di preparativi, organizzazione, finalmente arriva il 29 dicembre: giorno della partenza!
Il tempo è stupendo, non fa eccessivamente freddo, la giornata ideale per mettersi in viaggio! Percorriamo la Roma-Firenze (A1), uscita Fabro, pochi km da Perugia e arriviamo a Colle San Paolo dove ad accoglierci c'è la gentilissima signora Monica che ci fa sentire subito a casa (purtroppo non abbiamo avuto il piacere di conoscere sua sorella Sabina).  Il complesso comprende tre casali: Poderaccio, Molinella e Fontanelle, il nostro, Molinella, era un antico mulino ad acqua immerso nel bosco e vicino ad un ruscello.


venerdì 8 marzo 2013

L'8 Marzo..

Ciao a tutti :) oggi nello scrivere questo post voglio discostarmi dal tema del viaggio per parlare e fare chiarezza su cosa si festeggia l'8 marzo. 
Oggi, 8 marzo, si celebra la festa delle donne, una giornata per ricordare le conquiste sociali e politiche delle donne. Peccato però che la maggior parte delle persone non sanno effettivamente molto su di essa. Perché venne istituita la giornata internazionale della donna? Quando nasce? Perché venne scelto come simbolo proprio la mimosa? Voglio rispondere a queste poche domande per fare chiarezza su questa festa che celebra tutte le donne del mondo. 
Una leggenda narra che la Festa della Donna sia stata istituita negli Stati Uniti nel 1908 in memoria di tutte quelle donne morte in una fabbrica di New York: la Cotton! Ma questa è solo una leggenda e rimarrà tale, infatti la Giornata Internazionale della donna nasce ufficialmente il 28 febbraio 1909 negli Stati Uniti, istituita dal partito socialista americano a favore del diritto al voto. Al suffragio universale, ben presto, si unirono anche altre motivazioni.. infatti un gruppo di donne scioperò per giorni per chiedere migliori condizioni di lavoro e salari più alti. Ma, probabilmente, il culmine venne toccato con l'incendio nella fabbrica Triangle di New York in cui morirono circa 146 lavoratori. Da quel momento le manifestazioni crebbero a vista d'occhio, venne istituita la Festa della donna in molti Paesi europei. 

Foto dal web

lunedì 4 marzo 2013

La Basilica di Montmartre

Scendere alla stazione della metro Anvers è un pò come tornare indietro nel tempo, perché tra vie e viottoli si entra in una Parigi diversa, una Parigi dove si può ancora respirare la vita bohémien, dove ogni cosa ti fa pensare al passato. A Montmartre (zona più alta di Parigi) sembra ieri che nei più antichi café sedettero grandi artisti, magari sorseggiando un caffè, in cerca di quella ispirazione che prima o poi arrivava. Pensare che quelle vie sono state percorse da grandi poeti fa un certo effetto, parliamo di Baudeleire, Verlaine o pittori come  Toulouse-Lautrec, tutti artisti che nell'800 furono dediti al piacere e alla vita notturna (infatti gli artisti del tempo erano grandi amanti dell'assenzio!).  La Butte di Montmartre è il luogo dove ebbe inizio nel 1871, i cento giorni eroici della Comune (primo tentativo di governo della classe operaia), ma di questo parleremo un'altra volta! Incamminandosi verso Rue de Steinkerque tra una boulangerie e una patisserie, tra i tanti turisti che percorrono strade e stradine per fare una foto, per comprare qualche souvenir o soltanto per ammirare la bellezza di questo luogo, si nota sulla collina a nord di Parigi una Basilica di colore bianco che  domina tutto ciò intorno a lei: 
la basilique du Sacré-Coeur

basilique du Sacré-Cœur

Ultimi Post