Follow Us

mercoledì 3 aprile 2013

I viaggi di Steve McCurry

Quando penso alle varie culture, ai  tanti popoli che ci sono, la mia mente automaticamente non può che andare all'anno scorso, quando decisi di andare al MACRO (Museo di Arte Contemporanea Roma) poiché era stata allestita una mostra fotografica di uno dei fotoreporter più importanti del nostro secolo: Steve McCurry! Ne avevo sentito parlare, ma non conoscevo le sue foto e documentandomi su Internet mi resi conto della bellezza di esse ma soprattutto delle forti emozioni che suscitano a chi le guarda, la mente fa una sorta di viaggio, passa da una cultura ad un'altra, avendo una visione completa del mondo in cui viviamo.
Arrivati al MACRO Testaccio (ex Mattatoio), la fila chilometrica per entrare al museo era già un ottimo presagio. 

En: When I think about the various cultures, my mind automatically goes to the last year, when I decide to go at MACRO (Museum of contemporary arts) in Rome, because there was a photographic exhibition about on of the most important fotoreporter of our century: Steve McCurry! I didn't know his photos and I was entranced by their beauty. When you look this photos the mind travels from a culture to another.




Steve McCurry è un fotoreporter statunitense nato nel 1950, noto per la fotografia "Ragazza afgana", una delle sue foto più famose tanto che venne scelta come copertina della famosa rivista National Geographic Magazine del 1985. 

En: Steve McCurry is an american fotoreporter born in 1950, famous for the photo "Afghan girl", that was chosen as cover of National Geographic Magazine (1985).

Ragazza afgana (Peshawar , Afghanistan)

Già solo questa foto, vale il prezzo del biglietto: 
colori accesi, occhi verde smeraldo, sguardo che fissa l'osservatore come se dovesse entrare dentro la tua coscienza, un primo piano che ti fa rimanere spiazzato davanti a così tanta profondità, una profondità che solo gli occhi possono dare.
Di questa foto a parlare sono gli occhi.

En: This photo worth price of exhibition:
bright colors, emerald green eyes, look that sets viewer, close-up that leaves you speechless in front of so much depth, depth that only eyes can give.


L'identità di questa ragazza rimase sconosciuta per 17 anni, ma McCurry insieme ad una troupe di National Geographic riuscì a ritrovarla nel 2002. Si chiama Sharbat Gula.
La vita di McCurry è un continuo viaggiare, un continuo visitare popoli, rischiando anche la vita per fotografare attimi, momenti, situazioni che possono suscitare un  qualche sentimento. Cominciò a fotografare in Pakistan e Afghanistan ricevendo un premio come  fotografo più coraggioso. In seguito continuò a immortalare i grandi conflitti internazionali: in Iran, in Iraq, nelle Filippine e anche la Guerra del Golfo.
Alcune foto ti spiazzano, rimarresti ad osservarle per ore: colori che si fondono tra loro, situazioni che noi, popolo occidentale, non possiamo capire, ma solo chi sta a contatto con la guerra, con la sofferenza, con la povertà, può rendersi conto di come anche nel XXI secolo ci sia così tanta differenza tra noi e loro.

En: The identity of this girl remained unknown for 17 years, but McCurry found the girl again. Her name is Sharbat Gula
McCurry's life is a continuous journey, a continuous visit cultures, to photograph moments, situations that may raise some feelings. Began to photograph in Pakistan and Afghanistan receiving award as bravest photographer. After photographed the major international conflicts: in Iran, Iraq, in Philippines and also Gulf War. 
Some photos would have observed for hours: the colors are mixed together, situations that we, Western people, cannot understand because only one who see the war, suffering, poverty, can understand it. 

Molte foto sono lo specchio della sofferenza:
Some photos are the mirror of suffering:



Un bambino che tiene in mano una pistola giocattolo, lacrime che sgorgano inesorabili per la paura e la tristezza, guardando la foto tutto ciò che ti sta intorno scompare, si annulla di fronte a così tanta sofferenza. 
Mi verrebbe da asciugare quelle lacrime così piene di paura.
Ebbene si, una foto può trasmettere così tanto.

En: A child holding a toy gun, tears gush out inexorable; looking at the picture all disappears.
I wish to dry those tears full of fear.
A photo can transmit so much.



Altre trasmettono silenzio:
Other photos transmit silence



Girando per le sale della mostra incontri diversi popoli dalla pelle bianca, nera, gialla. Rivivi nella mente quell'attimo in cui è stata scattata la foto.

Walking along the halls of the exhibition, you meet different cultures. 
You relive in mind the moment when photo was taken. 





Foto con una forte contrasto: bambini che giocano con un carro armato..
Some children play with a tank..


 McCurry ci delizia anche con alcuni scatti italiani..
Few Italian clicks..





"La maggior parte delle mie immagini raccontano dell'essere umano. 
Cerco il momento, inosservato, in cui l'anima umana fa capolino sul volto di una persona"


McCurry amò sempre fotografare in pellicola, ma con l'avvento del digitale fu sempre più difficile fotografare in questo modo. Proprio per questo la Kodak gli donò l'ultimo rullino di pellicola Kodachrome.

En: McCurry loved photographing on photographic film, so Kodak give him the last roll of Kodachrome film.

"..Sto cercando di scattare 36 foto che agiscano come una sorta di conclusione,
per celebrare la scomparsa di Kodachrome.
E' stata una pellicola meravigliosa."


Le foto dell'ultimo rullino di pellicola Kodachrome si possono trovare qui! :)
E voi cosa ne pensate? Quale foto vi è piaciuta di più?

A presto
Federico

P.s. Le foto di Steve McCurry si possono consultare sul sito www.stevemccurry.com (da dove le ho prese), consiglio vivamente di dargli un'occhiata!


------------------------------------------------------------------------------------------------------------

En: You can see here the photos of the last roll! :)

See you soon
Federico

P.s. You can see McCurry's photos on the site www.stevemccurry.com!











40 commenti:

  1. Foto meravigliose per tanti motivi, gli sguardi, i colori, le inquadrature, le emozioni che trasmettono...

    RispondiElimina
  2. Bel post, e foto meravigliose senza dubbio! Grazie per aver portato la mostra nel mio pc! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata di qui! :)

      Elimina
  3. Che belle :) Pensa che adesso è qui in mostra a Genova e non sono riuscita ad andarci ancora.. è da un po' che ci penso e vorrei andarci..
    Credo ne valga la pena!
    http://blogpercomunicare.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Foto emblematiche.
    La mia preferita: gli indiani che sollevano il tipo pittato di verde.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono foto che parlano! La foto degli indiani è quella con una grande esplosione di colori, una delle più belle! :)

      Elimina
  5. Grazie Federico per averci offerto, tramite gli scatti di McCurry, questo squarcio di mondo! La foto dei bambini con il carro armato è emblematica: per i bambini il gioco è vita e poco importa se lo strumento del gioco è un'arma da guerra. L'altra foto molto toccante è quella del padre che piange perché ha perso la speranza del futuro e teme per il destino dei suoi figli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea, McCurry fa conoscere quella parte di mondo sconosciuta ai nostri occhi!

      Elimina
  6. Ciao Federico, grazie mille di essere passato da me.
    Il tuo blog è bellissimo, ti seguo volentieri.
    Veronica
    http://veronicamapelliphotography.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veronica! Grazie a te per essere passata :)

      Elimina
  7. che meraviglia! Steve Mc Curry è veramente un grande e tu hai fatto bene a dedicargli questo bellissimo post!
    Bravo!
    Un abbraccio e complimenti per il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina! :) con i suoi scatti è riuscito a raccontare non solo la guerra e la sofferenza, ma anche gli usi e i costumi delle diverse culture!

      Elimina
  8. scatti meravigliosi ed indimenticabili!!!
    adoro la fotagrafia, leggere, viaggiare...scoprire il mondo...il tuo blog è una fonte di interessanti scoperte e spunti per prossimi viaggi, compplimenti!!! bellissimo blog!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Chiara! :) cerco di trasmettere con i miei post la mia più grande passione: viaggiare! :)

      Elimina
  9. Sono lavori de sublime bellezze grazie Federico.

    RispondiElimina
  10. Maledetta me che non ci sono andata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari tra qualche anno tornerà nella tua città! Io me ne accorsi per caso su internet della sua mostra!..se ti capita visitala :)

      Elimina
  11. Conosco questo grande artista e conosco buona parte dei suoi capolavori! Grazie per averli riproposti... Per nn dimenticare....MAI!!!!!
    Grazie per essere passato dal mio blog e anch'io ti seguo con grandissimo piacere!!!!!

    RispondiElimina
  12. Ciao, grazie per questo post! a me piace moltissimo l'immagine dei due bambini dietro il finestrino dell'auto. Fotografi come Mc Curry dovrebbero ricevere molti più onori invece spesso ci si dimentica chi c'è dietro una fotografia, uomini che rischiano la vita per farci conoscere la realtà di mondi lontani da noi. Bellissimo blog, scoperto proprio oggi.
    Ciao! Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela! Molto spesso si vede solo la foto e non chi la scatta, hai ragione!
      Grazie mille :)

      Elimina
  13. ho visto la mostra a roma lo scorso anno, meravigliosa e anche il tuo post non è da meno ciao, passa a trovarmi per un caffè se ti va

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le foto di McCurry ad essere meravigliose! :) Grazie Enrica!
      Passo subito ;)
      Un saluto

      Elimina
  14. Ehi Fede mi ero persa questo tuo post splendido! Conoscevo "Ragazza afghana" [l'immagine più bella, per me], ma ne ignoravo l'autore. E allora grazie per questo reportage!
    La foto più profonda è quella del bimbo che si porta la pistola alle tempie.. ha fatto centro nella mia sensibilità (ho gli occhi lucidi)!

    Manuela

    http://pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela!..anche io, come te, conoscevo la foto ma non chi l'avesse scattata e andando anche alla mostra ho potuto vedere con i miei occhi la bravura di McCurry. Quella del bambino con la pistola trasmette tanto..! Ne sono rimasto molto colpito anche io! Grazie a te :)

      Elimina
  15. sono finita alla mostra di mccurry per caso ed e' stata una bellissima esperienza! hanno fatto un'ottimo lavoro a palazzo ducale a genova!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ne facessero un'altra a Roma ci tornerei di corsa :)

      Elimina
  16. Mostra fantastica e molto appropriata la scelta Dell allestimento a "capanna" . Mi ha emozionato come poche. Consiglio anche quella di Helmut Newton attualmente al palazzo delle Esposizioni,anche se di diverso genere rispetto a questa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il consiglio, me lo sono segnato! ;)

      Elimina
  17. Ma sono tutte meravigliose!!!!!!!!!!!!
    Ciao Federico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è difficile scegliere la più bella ;)

      Elimina
  18. Conosco e conosco le sue splendide foto. Mi figlia ha scritto di lui nel sito della scuola d'arte di Trieste lei è maestra ma non opera li era un fuori coro.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Edvige, buona domenica anche a te :)

      Elimina
  19. egli vero comfort è dato dalle piccole cose piccole , non per le cose di lusso...........Agenzia Viaggio India & Tour Operator India

    RispondiElimina
  20. Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne legge solo una pagina..................Viaggio in India & Vacanze in India

    RispondiElimina

Fammi sapere cosa ne pensi..
E' sempre importante l'opinione di chi mi legge :)

Ultimi Post